Mare d'inchiostro

Elisa Sartarelli

I 7 tesori nascosti nei libri usati

Libri usati: una passione! Quanti di voi amano spulciare tra i libri usati nei mercatini? Ci si possono trovare dentro dei piccoli tesori

Libri usati: una passione! Quanti di voi amano spulciare tra i libri usati nei mercatini? Ci si possono trovare dentro dei piccoli tesori! I libri nuovi piacciono a tutti, certo, con le loro pagine profumate e mai lette, strette ancore le une alle altre. Però c’è chi riesce ad apprezzare anche il fascino dei libri usati. Non solo le edizioni antiche, quelle del secolo scorso o dei secoli precedenti che possono far gola ai collezionisti. Intendo quei libri che risalgono a qualche anno fa, letti e dati via, poi chissà come finiti in un mercatino di roba usata tra altri oggetti. Personalmente, preferisco quelle lunghe bancarelle che mostrano soltanto vecchi libri usati: molti mai letti e dati via, altri letti e consumati. E proprio questi ultimi nascondono dei piccoli tesori, probabilmente adoperati come segnalibri. Quali? Scopriamolo insieme!

 

Cartoline

Avete mai usato una cartolina come segnalibro? Una cartolina dimenticata tra le pagine, poi anche il libro è passato in secondo piano e nel dimenticatoio, e magari è stato lasciato a figli e nipoti… finché qualcuno ha deciso di darlo via, cartolina compresa.

 

Fiori secchi

Chi non ha mai messo dei fiori secchi in un libro? E chi non ce li ha mai dimenticati? E poi arriva un nuovo lettore che trova questo piccolo tesoro.

 

Segnalibri

Leggi un libro, lo chiudi e tra le pagine resta il segnalibro che hai usato: utile regalo per un nuovo lettore!

 

Dediche

Immaginiamola così: una persona riceve un libro con dedica in regalo, però con il tempo il rapporto con chi glielo ha regalato cambia e decide di darlo via. Potrebbe succedere, no? Ed ecco che un libro che racchiude anche una storia di relazione tra due persone (amore, affetto, amicizia) comincia a viaggiare per il mondo…

 

Commenti

Avete mai commentato un libro a margine? Capita. Di solito quando si studia ma anche quando ci viene da dentro quella irrefrenabile voglia di dire la nostra. E scriviamo. E poi un giorno uno sconosciuto a una bancarella leggerà…

 

Sottolineature

A matita, a penna o con l’evidenziatore: tutti sottolineiamo le frasi più belle dei libri! Per noi e per gli altri, per poi indicare la scoperta a chi sfoglierà quelle pagine e indicargli che quel libro è un investimento di piccoli tesori d’inchiostro.

 

Bigliettini

Foglietti che contengono frasi di vario genere, dagli auguri a numeri di telefono di tanti anni prima. I bigliettini scritti a mano trovati tra le pagine di un libro sono i tesori che preferisco!

 

Elisa Sartarelli

© Riproduzione Riservata
Tags
Commenti
  • Vittorio Palmieri

    Dei veri tesori. Memorie conservate nei libri.

Mostra più commenti

Elisa Sartarelli

Mi chiamo Elisa Sartarelli e sono una giornalista laureata in Lingue e Letterature Moderne a “La Sapienza” di Roma. Ho sempre avuto una grande passione per la scrittura. La mia tesi è stata pubblicata con il titolo “Il mondo di Frances Hodgson Burnett: The Secret Garden, Little Lord Fauntleroy e A Little Princess” (La Riflessione – Saggistica 2010). Ho scritto anche due libri di favole ambientati in un mondo che ho creato da bambina: “Le Quadrobambole” (Rea Edizioni 2010) e “Nel mondo delle Quadrobambole” (Nicodemo Edizioni 2011). È uscito a settembre 2014 il mio primo romanzo per bambini “Le avventure del Mago Xilofono” (Arduino Sacco Editore). Nell’antologia “I racconti di Cultora Centro-Sud” (Historica Edizioni 2015) trovate un mio racconto breve ambientato nel mondo delle Quadrobambole, dal titolo “La venditrice di speranza”. Ho collaborato come revisore di stile al libro “Quel Bergoglio, questo Francesco – La biografia in cui parla in prima persona il Papa gesuita” (stampato da CreateSpace e disponibile su Amazon da luglio 2015), versione italiana della biografia di Papa Francesco dal titolo “Aquel Francisco” (Editorial Raíz de Dos, 2014) scritta dai giornalisti argentini Javier Cámara e Sebastián Pfaffen e arricchita da ricordi e commenti rilasciati dallo stesso Papa Francesco.

Utenti online